Labbra perfette con un'app

Chirurghi plastici e medici estetici di tutto il mondo sono unanimi nel ritenere che le labbra a canotto non sono più di tendenza. Naturalezza, armonia, proporzioni, personalizzazione ed espressione: questo è il nuovo trend. Per non cadere nella tentazione di fare correzioni eccessive o, peggio, errate è nata una nuova applicazione informatica che affianca il lavoro degli specialisti della bellezza, suggerendo il ritocco più adeguato.

L'APP LIP ELABORA I PARAMETRI...Per la realizzazione del programma è stata effettuata un'analisi completa della morfologia labiale che prevede, oltre ai classici parametri numerici, che il labbro superiore sia meno voluminoso di quello inferiore per evitare l' "effetto papera".

Vengono cosderati anche la distanza del filtro (lo spazio tra naso e vermiglio superiore), per dare maggiore ampiezza alle labbra, e l'invecchiamento generale. Tutti questi elementi sono stati combinati insieme in una formula (algoritmo) che fornisce indicazioni precise sia sulla modalità di intervento sia sulla scelta del prodotto più adatto, secondo le singole caratteristiche.

...Per ridurre il dolore intenso che abitualmente si sente quando l'ago penetra nella cute o nel vermiglio, oggi esiste un dispositivo elettronico che usa aghi di dimensioni molto piccole, sceglie il giusto piano di infiltrazione e inietta con la massima precisione, in modo graduale e costante, sempre la medesima quantità di gel (a base di acido ialuronico).

Leggi tutto (PDF)

Articoli correlati

Per attenuare le rughe profonde

Le più odiate non sono tanto quelle micro, di espressione, bensì quelle profonde, che partono dalle narici e scendono letteralmente verso la bocca.

Protocollo innovativo con Redensity 1 da 3 ml

Quando, circa 15  anni fa,  ho iniziato  a curare la mia pelle anche attraverso la medicina estetica, i primi trattamenti che ho eseguito sono stati la biorivitalizzazione e la tossina botulinica.

E uno dei primi prodotti rivitalizzanti che ho provato,  è stato Redensity 1 della Teoxane. Era uscito da poco e la dottoressa che me lo aveva proposto, me lo aveva indicato come adatto alla mia età alla situazione della mia pelle sinceramente più invecchiata (causa il sole preso in modo scriteriato) e meno curata rispetto ad oggi. All’epoca ero molto inesperta. Ricordo che ero terrorizzata che il prodotto potesse “gonfiarmi”. Lei mi rassicurò e mi disse che avrebbe rivitalizzato la pelle senza cambiare i miei tratti. 

Socialità Covid: per Zoom ci vuole il ritocco, trattamenti di medicina estetica nell'era delle videocall

Quando si utilizzano le piattaforme digitali per riunioni di lavoro, anche il collo è sempre in primo piano mostrando le antiestetiche ‘collane di Venere’. Il trattamento più indicato è la dermoristrutturazione cutanea: si tratta di microiniezioni intradermiche, a base di acido ialuronico e un complesso composto da 8 aminoacidi, 3 antiossidanti, 2 minerali e una vitamina.