Botulino e acido ialuronico La "doppia iniezione" ideata per lui

L'uomo è protagonista al 40° Congresso di medicina estetica SIME in corso a Roma. "È stato presentato - spiega Maria Gabriella Di Russo, idrologo e medico estetico a Milano e Formia - un nuovo trattamento con filler per contrastare i segni del tempo e avere un aspetto più giovanile". Secondo i dati Asaps (America Society for Aestethic Surgery) le iniezioni di acido ialuronico e tossina botulinica sono tra le preferite del pubblico maschile, dopo liposuzione e liposcultura. "È stato creato il Mascu-look, ideato dal chirurgo tedesco Sina Djalaei, per rispondere alla crescente richiesta di valorizzare le armonie del volto maschile - continua Di Russo- . È un approccio mirato in grado di esaltare tutte le caratteristiche riconosciute come attraenti e mascoline". In cosa consiste?

Leggi tutto (PDF)

Articoli correlati

Per attenuare le rughe profonde

Le più odiate non sono tanto quelle micro, di espressione, bensì quelle profonde, che partono dalle narici e scendono letteralmente verso la bocca.

Protocollo innovativo con Redensity 1 da 3 ml

Quando, circa 15  anni fa,  ho iniziato  a curare la mia pelle anche attraverso la medicina estetica, i primi trattamenti che ho eseguito sono stati la biorivitalizzazione e la tossina botulinica.

E uno dei primi prodotti rivitalizzanti che ho provato,  è stato Redensity 1 della Teoxane. Era uscito da poco e la dottoressa che me lo aveva proposto, me lo aveva indicato come adatto alla mia età alla situazione della mia pelle sinceramente più invecchiata (causa il sole preso in modo scriteriato) e meno curata rispetto ad oggi. All’epoca ero molto inesperta. Ricordo che ero terrorizzata che il prodotto potesse “gonfiarmi”. Lei mi rassicurò e mi disse che avrebbe rivitalizzato la pelle senza cambiare i miei tratti. 

Socialità Covid: per Zoom ci vuole il ritocco, trattamenti di medicina estetica nell'era delle videocall

Quando si utilizzano le piattaforme digitali per riunioni di lavoro, anche il collo è sempre in primo piano mostrando le antiestetiche ‘collane di Venere’. Il trattamento più indicato è la dermoristrutturazione cutanea: si tratta di microiniezioni intradermiche, a base di acido ialuronico e un complesso composto da 8 aminoacidi, 3 antiossidanti, 2 minerali e una vitamina.